Cos’è Insularis.net?

Se anche il creatore stesso se lo chiede, partiamo male. Un blog, vi rispondo dopo averci pensato: cioè un insieme di storie. Insularis stesso è una storia e ha una storia. Nasce, cresce e matura (come un figlio, anche se ora stiamo esagerando), partendo da un blog sulle isole del Pacifico, Rive d’Oceania, e diventando con il nuovo nome un portale che parla di tutte le isole della Terra. O meglio, di tutte quelle che l’autore riesce a ricordare e su cui vi sa raccontare qualcosa, ma tralasciate i dettagli.

Sapevate che il bungee jumping nasce in una selvaggia isola della Melanesia e che i saltatori, nella versione originale, non dovrebbero penzolare nel vuoto ma colpire il terreno per passare la prova? E a proposito, cos’è questa Melanesia? Perché nel Triangolo delle Bermuda si dice avvengano misteriosi fenomeni? Perché in Australia fanno più paura i conigli che non gli squali bianchi e quali meraviglie subacquee vi mancano ancora da vedere in giro per il mondo? Insularis si occupa di questo ed altro: comunque storie, per quanto possibile poco note, sulle isole. Storie che vi verrà voglia di leggere e poi di condividere, di seguire e consigliare e insomma, questo è proprio un blog figo, come chi lo scrive.

Perché le isole? Per motivi culturali, storici, biologici e di spietata convenienza. Le isole sono spesso uniche per le loro culture e per i loro ambienti. Molte delle estinzioni di specie animali e vegetali recenti sono avvenute in luoghi insulari, quindi anche i più delicati in assoluto. Inoltre, siccome mancano ancora blog che si dedichino alle isole del mondo, specialmente a quelle meno famose, è divulgativamente (lo so che non si dice) conveniente dedicarsi a questo terreno ancora inesplorato, perso nel mare del web.